Enjoying the small things

Ieri sera ho conosciuto una nuova coppia: abbiamo iniziato un piccolo corso su travaglio, parto ed allattamento a domicilio.
Una serata molto piacevole, trascorsa a chiacchierare,a toccare la pancia della mammina,a sentire le nostre ossa e a conoscere un pò meglio come funziona il proprio corpo.

Questo futuro papà ha per la prima volta sperimentato il massaggio al pancione.
“Come faccio?” mi chiede.
Io gli ho sorriso, gli ho messo qualche goccia di olio di mandorle sulle mani, mani grandi, mani da papà e gliele ho appoggiate sul pancione. Da li è iniziato uno splendido momento di relax, per lui, per la sua compagna e per la piccolina, che è stata un pochino in ascolto e che poi ha iniziato a partecipare anche lei, con calcetti e movimenti i risposta al massaggio del papà.

Quando sto per andarmene si scusano per essersi dilungati troppo: sono le 23.10 minuti. Ovviamente per me non c’è problema, è il mio lavoro! Stare a casa delle coppie, la sera, la mattina, la domenica non è un peso. Avviene tutto col sorriso sulle labbra e un pò di leggerezza nel cuore.

Si dice che durante l’Università il carattere di una persona si formi. Devo ringraziare il destino che mi ha portata a diventare Ostetrica: l’iscrizione a quella facoltà era un caso, la scelta di proseguire e metterci tutta me stessa è stata naturale.
Da impaziente, quando lavoro divento paziente, sorridente e disposta all’ascolto. Probabilmente chi mi ha conosciuta a 18 anni non mi riconoscerebbe vedendomi lavorare, proprio perchè vedere ogni giorno la Vita mi ha cambiata.

Una docente universitaria una volta ci ha detto che noi non siamo Ostetriche, noi Facciamo le Ostetriche. Cara docente, spero tu stia leggendo le mie parole, perchè come allora ribadisco io sono un’Ostetrica! Non riesco a spegnere e ad accedere l’interruttore da ostetrica a ragazza degli anni 2000 a comando. Quando sono a casa, quando esco, quando vado a fare shopping vedo tutto con gli stessi occhi.
Amo ogni bambino che zampetta qua e la ai giardinetti, mi si illuminano gli occhi al vedere un pancione, cerco di fare informazione riguardo alle malattie sessualmente trasmesse alle cene tra amici… Cara docente, sarà patologico, ma per me è così (credo lo sia per la maggior parte delle mie colleghe: quando ci troviamo in gruppo si parla solo di corsi, nascite, consulenze, vagine, seni, capezzoli,  uteri e compagnia bella; il tutto ad alta voce ovviamente).

Immagine tratta da Spiritual Midwifery

Devo ringraziare questo lavoro se sono felice vedendo un uomo e una donna in attesa della nascita del loro “miracolo”.
Devo ringraziare questo lavoro se quando vedo una notte stellata mi fermo e rimango a guardare il cielo, col naso puntato all’insù.
Devo ringraziare questo lavoro se a volte mi perdo durante le visite, assieme alla mamma, a osservare il suo piccolo che dorme.
Devo ringraziare questo lavoro se ho imparato ad attendere in silenzio. Attendere per cosa? Per una risposta, per una azione, per una nascita.
Devo ringraziare questo lavoro se non ho più paura di conoscere il mio corpo, i suoi cicli, il suo perfetto oscillare e mutare.
Devo ringraziare questo lavoro per la possibilità di passare delle intere giornate con i bambini: giocando e divertendomi con loro.
Devo ringraziare questo lavoro per farmi conoscere ed entrare nella vita di tantissime persone diverse.

Devo ringraziare questo lavoro per avermi insegnato ad apprezzare le piccole cose.

Ostetrica Stefania

Storia di una Nascita

Era Venerdì, di primo pomeriggio.
Ricevo una telefonata “Credo che sia arrivato il momento, ho contrazioni sono forti ma non credo siano quelle giuste. Puoi venire a casa così mi metto nella vasca da bagno?”.

Faccio una doccia veloce, ripassando mentalmente tutto quello che posso fare per aiutare questa mamma a dare alla luce la sua bambina. Mi metto in macchina felice ed entusiasta per la nuova vita che sto per accogliere.

Arrivo a casa, vedo la futura mamma, sembra un pochino stanca, ma sorride. Sembra già raggiante. Subito le tocco la pancia, sento come è messa la piccola, che si muove tutta agitata. Ascolto il suo cuoricino: allora non avevo il cercabattiti elettrico, ma solamente lo stetoscopio di Pinard, con questo strumento, un pò ancestrale, sento che la piccola sta benissimo.

Stetoscopio di Pinard

Andiamo nella vasca da bagno, il brucia essenze sparge un profumo di lavanda. Le persiane sono semichiuse, c’è pace, silenzio e concentrazione. Fino alla contrazione: arriva, il suo viso cambia, si tocca la pancia e respira più velocemente.
Poi passa. Intanto chiacchieriamo, del più e del meno. Arriva la contrazione ci fermiamo, passa ricominciamo a chiacchierare.

Siamo ancora nella fase dei prodromi: il corpo della mamma e la bambina stessa si stanno preparando. Siamo nella fase dell’attesa. Chiedo se vuole chiamare suo marito, per avere ancora più conforto. Preferisce aspettare che torni a casa da lavoro “C’è tempo”, dice.

Il tempo passa le contrazioni incalzano, sempre di più. Lei sorride e chiacchiera di meno: è più concentrata. Esce dalla vasca dopo parecchio tempo, stava troppo bene li. Stiamo nel salotto per quello che sembra pochissimo tempo, fino a che torna il marito.

Prepariamo le cose dell’ospedale: oramai ci siamo, tra poco o molto tempo dovremo andare. Si muove molto lentamente intervallando gesti a pause, per le contrazioni.
Siamo in salotto di nuovo, lei vuole rimanere in ginocchio appoggiata con il busto al divano. Le massaggio la zona lombare, dopo poco il marito vuole fare qualcosa: lascio a lui il compito di aiutarla con dei massaggi, io preparo qualcosa da mangiare per tutti.

Il cuoricino della bimba va sempre bene, lo ascolto io e lo faccio sentire anche al papà, che quasi non vuole questa possibilità. Troppe emozioni.
Sbocconcelliamo qualcosa, noi con maggiore appetito, lei invece molto meno volentieri: le contrazioni incalzano, siamo quasi in travaglio.

Più volte mi chiede di visitarla, ma io le dico che possiamo ancora aspettare: il suo corpo comunica. Passa mezz’ora: dopo le sue richieste decido di assecondarla, la visito. Cervice appianata, dilatazione 2 – 3 cm. Ci siamo, secondo i canoni ostetrici “classici” è in travaglio.

Stiamo ancora un pò a casa, lei sta così bene sul tappeto del suo salotto. Sente l’esigenza di alzarsi, abbraccia suo marito e arriva un altra contrazione. Stanno li così abbracciati a dondolare, sembra quasi una danza.
Si vede che il dolore è cambiato: è intenso e non lascia spazio a parole o a gesti. La concentrazione di tutti è su quello.
Una pausa, subito un’altra contrazione e così via. Sono regolari.

Andiamo in ospedale. Durante il tragitto penso a come la Natura sia splendida: questa donna ha atteso il ritorno del suo compagno per iniziare a travagliare.
In ospedale fanno subito la visita, fidandosi di me per quanto riguarda la valutazione delle contrazioni. L’ostetrica in turno sostiene che questa donna non è in travaglio, le sembra troppo tranquilla. Lo specializzando fa un’altra visita, secondo lui è in travaglio. Entrambi sono d’accordo con la mia visita: dilatazione di 3 cm.
Contrazioni intense subito dopo scesa dal lettino, si rompe il sacco amniotico e iniziano dei conati di vomito.

Ora concordiamo tutti: è travaglio! Andiamo in una delle sale parto, dove arriva una delle ostetriche che mi hanno insegnato di più durante l’università. La rispetto immensamente.
Lei mi lascia carta bianca, quindi lascio fare alla donna.
Dopo un quarto d’ora sembra evidente che le contrazioni sono fin troppo vicine. Per rallentarle un pochino e dare tempo alla piccola di abituarsi al travaglio utilizziamo la vasca.

Dopo qualche minuto di acqua e massaggi la donna mi guarda con aria birichina:”Hai messo dell’anestetico sulla mia schiena”.
“No è l’effetto dell’acqua”
“Impossibile”
Arriva un’altra contrazione che non lascia più possibilità di parlare della schiena.

E’ passata un’ora e quindici minuti dall’arrivo in ospedale. Ogni tanto dice di non sapere se ce la farà a sopportare ancora, ma resiste. Respira forte e muove i fianchi, lui la tiene per una mano, per la prima volta mi sembra spaventato.

“Sento spingere”
“Lascia fare alla bambina, prova a sentire cosa ti dice di fare”
Arriva un’altra contrazione: “Spinge, lei spinge!”

Anche senza la visita io e l’altra ostetrica siamo d’accordo: molto probabilmente la dilatazione è completa. Aspettiamo qualche minuto ed intanto ascoltiamo il cuore della bambina. Ci sembra che ci sia qualche decelerazione.

L’altra ostetrica decide fare uscire donna dalla vasca, così da poter mettere il tracciato per sentire il cuoricino in continuo (putroppo in quella sala parto non c’era lo strumento resistente all’acqua).
Ad ogni contrazione la donna spinge e la testina affiora dai genitali. Essendo un primo parto, giustamente, la bambina ci mette un pochino di tempo a fare spazio per nascere.

Passa qualche contrazione, poi finalmente arriva LA contrazione: la mamma spinge con tutta la sua forza. E’ nata la testina della bambina, senza episiotomia. L’ostetrica assiste la nascita della bambina, che nasce vigorosa, tonica e vivace.

il_570xN.526516263_qyh4

Dipinto di AmandaGreavette

Subito la mamma la stringe tra le braccia, il papà piange, io cerco di non commuovermi, ma è difficile. Sono così fiera di questa coppia: della loro forza, della loro costanza, della loro fiducia e del loro amore.
Sono fiera anche della ranocchietta che è appena nata: strilla un pò e fa dei versetti tipo maialino. Dopo poco si tranquillizza, è stata tosta anche lei, come la sua mamma.

Queste storie di nascita sono una realtà: lasciamoci guidare dall’istinto, fidiamoci di più di noi stesse e di chi ci sta vicino. Il nostro corpo ci aiuta, lasciamolo fare.

Ostetrica Stefania

PS: alle colleghe dico che questo racconto è stato scritto per le donne, quindi non utilizzo la terminologia specifica di proposito, non perchè non la conosco 😉 .

 

Sfatiamo un Mito: l’Allattamento al Seno è una Moda

Pablo-Picasso-Maternity-162959

Pablo Picasso – Maternità

Alcune delle mamme che seguo mi hanno detto che sono state “attaccate” in alcuni gruppi su Facebook perchè sostenitrici dell’allattamento esclusivo.
Una delle motivazioni che le altre mamme sostenevano era che l’allattamento al seno è una moda. Sinceramente mi viene un pochino da sorridere perchè ci sono migliaia di risposte che in pochi secondi confutano questa tesi, secondo me veramente assurda.

Se l’allattamento al seno è una moda allora anche gli agnellini, i vitellini ed i micini appena nati seguono i trend setter.
E sentiamo la cosa più assurda: quasi quotidianamente assumiamo latte vaccino, o in forma liquida per colazioni ed affini oppure elaborato come formaggio, yogurt, gelato ecc. Ognuno di questi prodotti è realmente pubblicizzato via tv, giornali e anche via internet, quindi mi viene da dire: il loro consumo non è influenzato dai media e per questo soggetto a moda? Adesso c’è la moda del latte vaccino senza lattosio, oppure dei formaggi senza colesterolo e con il calcio… Ma che cavolo?!
Non ci accorgiamo della stupidità di questi alimenti? Perchè dovrei alimentarmi con una cibo che viene modificato togliendo o aggiungendo una certa sostanza, quando ci sono delle validissime alternative che giovano anche alla salute?

Ad esempio tutti quei prodotti che servono a diminuire il colesterolo, lo dico sinceramente… secondo me sono stupidate: se io bevo uno di quei famosi yogurt al giorno e continuo comunque a pranzo e a cena a mangiare schifezze, avrò comunque il colesterolo alto. Non esistono scorciatoie! Se vogliamo fare bene alla nostra salute dobbiamo iniziare ad alimentarci in modo corretto e bilanciato: non per questo dobbiamo diventare dei “talebani” del cibo, ma sicuramente bastano pochi accorgimenti per sentire la differenza per il nostro corpo.

Considerando ciò che la pubblicità ci consiglia, le mamme italiane dovrebbero scegliere il latte artificiale, magari speciale e antiallergico (sorriso anche qui, considerando che è fatto con gli elementi più allergizzanti per un neonato; soia e latte vaccino), ovviamente maggiore il costo del latte maggiore sarebbe la sicurezza del dato alimento (sorriso anche qui).

Rimando ancora alla nostra intelligentissima Natura: sapete che il latte delle foche e delle balene ha circa 5000 kcal per litro? Sapete che il latte vaccino è tremendamente ricco di caseina?
Perchè sono latti specie specifici: foche e balene hanno bisogno di un latte con più calorie per sopravvivere al freddo oceanico, i vitellini,  invece, necessitano di caseina perchè da maggior senso di sazietà, così da permettere alla mucca di spostarsi per brucare cibo.
Si, lo so che pochissimi allevamenti moderni permettono alle mucche di muoversi, pascolare e avere delle vite dignitose, ma la Natura  e l’Evoluzione della specie non potevano prevedere che l’uomo avrebbe ingabbiato tutti gli animali di allevamento per intensivizzare le attività produttive.

E il latte umano? Lo stupendo latte materno è meno ricco di proteine rispetto a quello vaccino (la caseina è una proteina), perchè il neonato non è in grado di digerirlo. Il latte materno è meno ricco di grassi rispetto a quello vaccino…

Aspetta aspetta! Come meno grasso? Questo vuol dire che non si da sufficientemente nutrimento ai poveri neonati? Stupide Ostetriche Estremiste! (ancora sorrisetto)

Il neonato  non è un vitello e su questo non ci sono dubbi. Il vitellino ha bisogno di proteine, lipidi, fosforo e calcio in enormi quantità per permettere al loro scheletro di rinforzarsi cosicchè lui cammini in sicurezza.
I nostri cuccioli invece nascono neurologicamente immaturi, questo non li rende poco intelligenti, ma al contrario richiede un investimento di forze e energie per potenziare ancora di più la loro crescita dal punto di vista cerebrale, motorio e psicosomatico (pensate alle competenze acquisite da un bambino nel primo anno di vita).  Il latte materno quindi ha anche questa stupenda funzione: da tempo al corpo del bambino, non mettendolo all’ingrasso, ma facendolo crescere il giusto, di modo che lo sviluppo della sua fisicità sia adeguato a quello delle sue competenze.

Farò diversi post in cui parlerò dell’allattamento al seno, questa è solo una piccola introduzione: è il mio “basta”.
Basta considerare le mamme che allattano come “fortunate”… allattare è terribilmente difficile, ci sono alti e bassi, è impegnativo, stancante, ma da una soddisfazione, che non è descrivibile.
Basta considerare le mamme che allattano come “estremiste”…. allattare è la normalità, la Natura lo mostra ogni giorno.
Basta considerare le mamme che allattano come “diseducative”… allattare non è un vizio: è la soddisfazione dei bisogni del neonato, che non sono solamente quelli fisici (essere sazio, pulito ed al caldo), ma soprattutto quelli emotivi.

Il giudizio negativo fa soffrire le persone e contribuisce a far emergere tutti i dubbi e le insicurezze che ogni mamma ha riguardo a se stessa e alle proprie capacità. Sorridete di più e ascoltate. Informatevi e siate curiose. Siate tolleranti e pazienti: c’è così tanto odio nella nostra società, non è necessario un ulteriore contributo.
Il resto verrà da se.

Le ostetriche non sono nemiche. Se nel vostro cammino avete incontrato delle “cattive” ostetriche, che vi hanno fatto sentire incomprese e giudicate, perdonatele. Anzi, se riuscite, perdonate la nostra categoria, dateci un’altra opportunità: siamo in molte ad essere volonterose e con buone intenzioni. Un’aiuto e un ascolto, anche solo quando si hanno dei dubbi può fare la differenza.

Con tutto il cuore…

Ostetrica Stefania